La scelta della tuta da moto è uno dei momenti più delicati e belli per un motociclista. Soprattutto per chi acquista per la prima volta la sua “seconda pelle”, fare la scelta giusta può sembrare un’impresa!

Pelle bovina o pelle di canguro?Intera o divisa? Qual è la taglia giusta per me? Le possibilità sono tante, così tante che si rischia di sbagliare. Inoltre, le case produttrici fabbricano tute dalle misure standard, che non possono tenere conto delle peculiarità del fisico di ognuno di noi.

Qualcuno potrebbe aver bisogno di una tuta un po’ più larga nella parte inferiore e più stretta sulle spalle e sui fianchi.

Qualcun altro potrebbe acquistare una tuta di una certa misura, per poi dimagrire o ingrassare e non entrarci più alla perfezione.

Per fortuna in questi casi c’è la possibilità di modificare l'articolo acquistato, allargandolo o restringendolo, in modo da farla tornare di nuovo perfetta e calzante.

Stringere...

Facciamo un esempio banale ma molto comune: hai acquistato una tuta intera di una certa taglia, ma adesso hai perso chili sul girovita e comincia ad andarti larga.

L’aderenza della tuta è un fattore di fondamentale importanza, sia per la comodità che per la sicurezza di questo capo d’abbigliamento. Se la tua seconda pelle è troppo larga, le protezioni non resteranno al loro posto in caso di scivolate o incidenti.

Invece di buttarla via – o costringerti a riprendere peso – puoi pensare di portarla in un negozio specializzato nelle modifiche all’abbigliamento in pellame.

Noi che siamo di Ravenna, ad esempio, ci rivolgiamo alla Sartoria Strappo di Ghibullo, che è specializzata proprio in riparazioni di capi in pelle e cordura.

Questi professionisti taglieranno via le parti in eccesso nelle zone che risultano larghe, per poi ricucire tutto seguendo lo stile di cucitura della casa madre.

...o allargare

Ancora più comune è la necessità di dover allargare la propria tuta. L’hai scelta con tanta attenzione ed era perfettamente aderente al tuo corpo, poi hai messo su qualche chilo e non vuole più saperne di chiudersi.

Oppure, hai scelto la taglia della tua “armatura” senza tener conto dell’abbigliamento intimo che avresti indossato al di sotto. Fatto sta che una tuta troppo stretta ti rende impossibili e faticosi i movimenti, soprattutto nella zona dei gomiti e delle ginocchia.

Che sia per errore di valutazione o a causa del tuo amore per la buona tavola, sarebbe un peccato dover rinunciare ad una cosa così preziosa. Per questo motivo anche in questa situazione la soluzione potrebbe essere rivolgersi ad un centro specializzato.

In questo caso gli artigiani non fanno altro che aggiungere degli inserti laddove hai bisogno di più spazio. Ovviamente i materiali degli inserti devono essere di qualità e non far perdere alla tuta le sue caratteristiche protettive.

Se hai una tuta è realizzata in pelle bovina o di canguro, le parti che serviranno ad allargarla non dovranno essere di materiali meno solidi e resistenti. In caso contrario potresti minare tutto il sistema protettivo della tuta.

Rattoppare la tuta

Può essere necessario un intervento di modifiche sulla tuta anche in occasione di un incidente lieve o di una scivolata. Nel caso in cui la pelle si rovini solo superficialmente al contatto con l’asfalto, è possibile intervenire con delle discrete toppe che coprano i danni.

Solitamente si fa questo tipo di operazione cercando di non lasciare segni evidenti dell’accomodamento. Se proprio questo non è possibile, perché il danno è troppo esteso o si trova in un punto difficile da ricoprire in maniera discreta, si può sempre ricorrere alle toppe visibili.

In questo caso le possibilità, dal punto di vista estetico, sono infinite. Puoi sbizzarrirti a coprire con delle toppe colorate, con disegni e grafiche accattivanti.

Ammorbidire la pelle

Se invece la taglia della tuta è giusta e l’unico difetto è quello di essere troppo dura? I capi in pelle, soprattutto se non sono di una qualità eccelsa, possono risultare un po’ rigidi e scomodi da vestire quando sono nuovi di zecca.

Qualcuno prova ad ammorbidire la pelle con delle creme per il corpo, qualcuno col latte detergente e altri ancora con saponi neutri. Noi abbiamo utilizzato, con buoni risultati, un kit per trattare le pelli degli interni delle auto, utile sia per pulire che idratare la tuta.

Il nostro parere? L’unico modo per rendere la tua tuta più morbida e piacevole da indossare, è usarla tanto. Se hai scelto la taglia giusta al momento dell’acquisto, dopo un periodo di fastidio iniziale, vedrai che calzerà a pennello.

Lo stesso discorso è valido per gli altri capi in pelle nel tuo armadio, come la tua giacca, i guanti, gli stivali

• • •

In un precedente post avevamo già parlato di quanto sia importante la taglia della tuta e a quali fattori fare particolarmente attenzione durante la scelta. Ricorda che la vestibilità non è soltanto una questione di comodità e facilità di guida.

La tuta deve essere aderente ma non stretta, solo così può fare da scudo alla tua pelle e permettere alle protezioni di restare al loro posto e fare correttamente il loro lavoro.