4 consigli per scegliere gli stivali da moto
31 / May, 2017
Commento 2657 Visualizzazioni

4 consigli per scegliere gli stivali da moto

Che tu sia un esperto appassionato o un neofita del mondo delle due ruote: poco importa. In entrambi i casi, scegliere gli stivali da moto giusti è parimenti importante!

Da cosa dipende, allora, la correttezza di questa decisione? Analizziamo insieme 4 consigli utili nella scelta dei tuoi nuovi stivali da moto!

Nota bene! Come saprai, esistono molte tipologie di stivali per le due ruote. In questo post, ci concentreremo principalmente sugli stivali per racing. Quindi: tutti i pistaioli si facciano avanti!

1. Sicurezza degli stivali

Se vai in pista, il rischio di caduta o di scivolata sono all’ordine del giorno.

Ovviamente nessuno vorrebbe mai toccare l’asfalto se non in piega ma, se così non fosse, quello di cui devi assicurarti è il tipo di omologazione.

Resistenza alle abrasioni

Quella che fa riferimento agli stivali è la EN13634 ma questa non vi garantisce il livello di resistenza dello stivale. La resistenza si basa su due livelli di tipo 1 e di tipo 2: la trovate scritta nell’etichetta del prodotto. Questi due livelli sono valutati in base alla resistenza all’abrasione, rispettivamente di 5 e 12 secondi.

Quindi vuol dire che se cadi e “grattugi” lo stivale a terra per meno dei tempi sopra indicati, il tuo piede è salvo e non avrai buchi.

Questo però è solo un aspetto della sicurezza: altrimenti, basterebbe indossare scarpe d’arme da cavaliere in acciaio e sareste protetti!

stivali moto fibbia



Mobilità della caviglia

Un altro elemento fondamentale per gli stivali è la mobilità della caviglia.

Ci sono infatti stivali che tengono particolarmente in considerazione questo aspetto e nello stivale esterno, ne alloggiano uno interno con barre antitorsione oppure con piastra in carbonio o mescola, posizionata in corrispondenza del tendine calcaneare, per evitare iperflessione dorsale del piede.

Purtroppo, molto protetti può significare poca mobilità e minor prestazione. Una strategia utilizzata da alcuni piloti per aggirare il problema, è quella di utilizzare stivali con tomaia traforata: questo determina un ammorbidimento della pelle superiore e più velocemente che di quelli non traforati.

Quindi seppur senza modificare l’angolo di movimento della caviglia, risultano nel minor tempo leggermente più flessibili e adattati alla forma del tuo piede. Da qui si evince l’importanza del punto successivo.

2. Anche il comfort ha la sua importanza!

Il comfort dello stivale incide sulla tua prestazione. I punti focali su cui concentrarti sono essenzialmente due: i malleoli la punta.

Malleoli

I malleoli, sia il laterale che il mediale, devono essere “avvolti” dalla struttura dell’imbottitura interna realizzata per alloggiare perfettamente il tuo piede e tenere in considerazione.

Questo perché accade spesso che la guida della moto porti all’inversione del piede, quindi a spingere sulla parte esterna, che si traduce in “ossa” doloranti (oltre che sovra-stimolazione del legamento collaterale laterale della caviglia e nel lungo periodo se gli stivali vengono indossati molte ore al giorno, ci si possono procurare infiammazioni poco piacevoli).

Punta

La punta invece, presenta prevalentemente due conformazioni: arrotondata o più affusolata. La scelta dipenda dalla conformazione della tua pianta del piede ma ti possiamo suggerire una cosa essenziale, cioè tenere in considerazione l’alluce.

Quando indossi lo stivale da seduto o da in piedi, questo non deve toccare la punta dello stivale e le dita devono potersi muovere. Poiché una volta in sella alla tua moto racing, ricorda che il piede tenderà a scivolare anteriormente; se lo stivale è perfettamente della tua taglia il rischio sarà quello di perdere sensibilità.

Per quanto riguarda la velocità nel cambiare marcia, sono oramai tutti studiati per non ostacolare in questo movimento.

3. Pelle: la regina dei materiali per gli stivali da moto

Ormai tutti gli stivali sono realizzati in pelle ed ovviamente maggiore sarà lo spessore, più alta sarà la resistenza all’abrasione.

Una caratteristica che invece può essere determinante, è la scelta della mescola della suola. Essenzialmente la suola non viene dichiarata come dura oppure morbida ma, in base alla scelta del marchio e della mescola che viene adoperata, può essere suddivisibile in due differenti tipologie: rigida o morbida.



stivale moto suola



La suola morbida è caratterizzata dal fatto che avrà maggiore grip sulle pedane ma un’usura molto rapida, mentre quella rigida minor grip con usura più lenta. Valuta i tipi di pedane che monti sulla tua moto per capire quali sono gli stivali di cui hai bisogno.

4. Attenzione alla disponibilità di ricambi per i tuoi stivali!

Verificare la disponibilità di ricambi per i tuoi stivali può essere davvero un’ottima idea! Le parti che maggiormente si usurano sono sicuramente gli slider, che quasi tutti offrono come ricambi; tuttavia, una cosa che non tutti hanno sono spesso proprio le suole, di cui abbiamo parlato prima.



stivale-moto-slider

Può sembrare banale ma, ad un prezzo contenuto, molte volte sono proprio le suole a permetterti di dare nuova vita a stivali che magari credi arrivati alla fine solo perché “fanno acqua”.

Un altro suggerimento è proprio quello di munirti in anticipo di quelle parti di ricambio che sai già che andrai a cambiare, come gli slider laterali e per il tallone.

LEAVE A COMMENT (s)